Italiano
Menu Cerca
submenusubmenu
< INDIETRO
Segreti in cucina

6 modi per riciclare il pane raffermo

Combattere gli sprechi in cucina a partire dal pane raffermo: tanti modi semplici ed originali che vi consentiranno di realizzare svariate ricette, da deliziosi dessert a prelibati primi piatti.

Quante volte vi sarà capitato di acquistare più pane del necessario, magari invogliati dall’irresistibile profumo o incuriositi da un particolare tipo di impasto appena sfornato: a differenza di altri ingredienti sui quali è più facile orientarsi tra dosi e quantità, il pane rimane uno dei grandi punti deboli degli sprechi in cucina. Il breve periodo di conservazione ne esaurisce la fragranza e la morbidezza in pochi giorni - a seconda che si tratti di panini o di pane sciapo e casareccio – così da far diventare difficile un suo eventuale riutilizzo. Di fronte ad una consistenza ormai dura e secca il primo pensiero che viene in mente è quello di disfarsene, seppur a malincuore.

Tuttavia, con un po’ di creatività e l’aggiunta di qualche ingrediente in più sarà possibile dare una nuova vita al pane raffermo trasformandolo in ricette originali e golose; proverete una doppia soddisfazione non solo per il fatto di aver preparato qualcosa di decisamente buono, ma soprattutto per essere riusciti a riciclare con il minimo sforzo un cibo al limite del riutilizzabile.

Ecco allora sei modi intelligenti di recuperare il pane raffermo attraverso le antiche ricette della tradizione e non solo.

1. Pangrattato
La soluzione più veloce e semplice è rappresentata dal pangrattato: prendere l’abitudine di preparalo in casa ogni volta che ci si ritrova con del pane raffermo in dispensa vi consentirà di averlo sempre a disposizione senza bisogno di acquistarlo al supermercato. Basterà conservare il pane in un cestino fino a che non si secchi del tutto, tritarlo completamente e riporlo in un sacchetto per alimenti pronto per essere utilizzato per cotolette, polpette o sformati

2. Mozzarella in carrozza
Una preparazione dall’aspetto molto simile a quello del French Toast che trae ispirazione proprio dal pane raffermo. In realtà si tratta di una mozzarella in carrozza rivisitata, avvolta da due fatte di pane passate prima nel latte e poi nell’uovo. Un abbinamento davvero gustoso e prelibato, quello tra la mozzarella e il pane, che potrete cucinare sia fritto che al forno, utilizzando una teglia di piccole dimensioni come lo stampo quadrato della linea Virtuosa di Lagostina.

3. Pancotto
Ricetta della tradizione - diffusa dal Nord al Sud Italia - il Pancotto presenta caratteristiche diverse a seconda della regione di provenienza. La cultura gastronomica pugliese, per esempio, vuole che venga preparato con le cime di rapa: una volta lessate insieme alle patate in abbondante acqua salata vengono servite insieme al pane raffermo che grazie al calore della verdura assumerà una consistenza più delicata e morbida. Il tutto viene insaporito all’ultimo con un soffritto a base di olio, odori ed erbe aromatiche preparato con l’aiuto di una padella antiaderente come quella della linea Ingenio di Lagostina.

4. Pappa al pomodoro
Un piatto estremamente semplice e genuino che affonda le sue radici nella tradizione culinaria toscana. A seguirne i passaggi di preparazione sembra quasi che il pane raffermo sia nato apposta per dare vita a questa squisita ricetta. Per prima cosa tagliate i pomodori a cubetti e fateli cuocere in un tegame antiaderente dai bordi alti insieme ad un filo di olio, uno spicchio d’aglio e qualche foglia di basilico. A metà cottura aggiungete dei pezzi di pane raffermo e qualche mestolo di brodo vegetale. Continuate a cuocere a fuoco dolce fino a che il liquido non si sarà rappreso leggermente e servite completando con delle scaglie di parmigiano.

5. Torta di pane
Un dolce nato dall’usanza dei pastori di una volta che sfruttando pezzi di pane rimasti in casa e frutta avanzata realizzavano questa deliziosa torta dal sapore dolce, ma non troppo, cotta nelle stufe a legna dell’epoca. La versione moderna della torta di pane prevede che venga preparata bagnando il pane raffermo con del latte tiepido al quale si aggiungono zucchero, amaretti, uova, cacao amaro e cioccolato fondente. L’impasto così ottenuto verrà versato in una tortiera a cerniera come quella della linea Virtuosa di Lagostina e infornato a 180° per 50 minuti fino a che non si formi sulla superficie una gustosa crosticina.

6. Pasta con pane e olio
Ingredienti poveri e semplici come pasta, pane secco, aglio, olio e sale per dar vita ad un primo piatto estremamente genuino, tipico delle regioni del Sud Italia. I cosiddetti ”Spaghetti alla Carrettiera”, diffusi nella Sicilia dei primi anni del Novecento, rappresentano l’antica ricetta da cui prende spunto l’attuale rivisitazione. Il pane raffermo viene utilizzato nella preparazione di un gustoso soffritto nel quale verrà condita la pasta e a cui potranno essere aggiunti pomodorini, un pizzico di peperoncino e delle olive denocciolate.