English
Menu Cerca
submenusubmenu
< GO BACK
Segreti in cucina

Tutti i segreti per scegliere e cucinare gli asparagi

La primavera è il momento migliore per cucinare gli asparagi. Questi ortaggi buoni e salutari sono tra i protagonisti indiscussi della stagione. Verdi, bianchi o violetti, esistono più di 200 varietà di asparagi, ma come sceglierli in base a freschezza, tipologia e modalità di cottura? Scopritelo con noi.

 

Scegliere gli asparagi: fidatevi dei vostri sensi

Che li acquistiate al supermercato o li raccogliate selvatici, scegliere gli asparagi più freschi assicura una perfetta resa in fase di cottura. Per individuarli lasciatevi guidare dai vostri sensi, in primis la vista. La varietà verde, per esempio, dev’essere vivida e non tendente al grigio. Un colore spento è sintomo di ossidazione, e per questo gli asparagi risulteranno meno freschi. In generale le punte devono essere ben chiuse, dritte e sode; i gambi, invece, senza macchie.

Un altro senso da coinvolgere al momento della scelta è il tatto. La consistenza degli asparagi dev’essere turgida, soprattutto lungo il gambo. Anche la croccantezza è un indicatore di freschezza: se piegato, il gambo deve spezzarsi. Nel caso in cui si fletta facilmente, potrebbe aver perso acqua e non essere più fresco. Anche l’olfatto è un senso da coinvolgere nella scelta degli asparagi. Se freschi, non hanno nessun tipo di odore.

Infine concentratevi sul gusto. Le varietà più comuni sono quattro e si differenziano per colore, gusto e uso in cucina. L’asparago bianco ha un sapore delicato, per questo è perfetto per vellutate; il verde è quello più comune, ideale per risotti e crocchette; il violetto presenta un sapore più amaro, da abbinare a secondi di pesce; e infine il selvatico, dal gusto marcato indicato per frittate saporite.

 

Cucinare gli asparagi: a tutto vapore

Gli asparagi possono essere l’ingrediente di qualsiasi portata, dall’antipasto al contorno. Sono altrettanto semplici e versatili anche nella loro preparazione, generalmente al vapore o bolliti. Per diminuire drasticamente i tempi di queste due cotture affidatevi alla vostra pentola a pressione, il modo più veloce per gustare gli asparagi freschi.

Prima di metterli in pentola, però, abbiate cura di pulirli. Tagliate la parte più dura del gambo e pelate il gambo senza toccare la punta. Una volta eliminata la parte legnosa, appoggiate gli asparagi sul cestello della pentola a pressione, chiudetela e a pressione raggiunta, abbassate la fiamma. Lasciate cuocere per 3/4 minuti.

La cottura a vapore ha inoltre altri pregi oltre alla sola velocità. Preserva infatti fino al 35% di vitamine in più e soprattutto mantiene gli alimenti ben sodi e gustosi anche con pochissimo condimento, l’ideale per chi vuole concedersi i piaceri della tavola senza rinunciare alla linea.

Una volta cotti al vapore, liberate la vostra creatività in cucina! Per esempio, potreste gratinarli e passarli in forno per 20 minuti, servirli con un royal di salmone e porri oppure realizzare una crema piccante di asparagi.