English
Menu Cerca
submenusubmenu
< GO BACK
L'antiaderente in cucina

La cottura al salto

Il vantaggio di cucinare piccoli ingredienti in modo facile e rapido senza eccedere con l’aggiunta di grassi: a patto di utilizzare i giusti strumenti del mestiere dotati di materiali antiaderenti.

Mai come nel caso della “cottura al salto” il gergo culinario si presta così bene a raffigurare ciò che avviene nella realtà: un’istantanea ai fornelli nel momento esatto in cui il cibo viene fatto saltare vigorosamente dalla padella per poi ricadere ed unirsi al resto del condimento.

Il segreto sta nel prendere confidenza con il classico gioco di polso, consistente in un movimento orizzontale – di avanti e indietro – che gradualmente dovrà assumere una traiettoria semicircolare in modo da portare il cibo ad urtare contro i bordi della padella così da staccarsi completamente della superfice.

Questa tecnica così conosciuta e diffusa, soprattutto tra i più esperti del mestiere, è particolarmente indicata per cucinare alimenti di piccole dimensioni che, proprio per le loro caratteristiche, richiedono tempi veloci e una fiamma medio-alta. Verdure, pesce e carne, se tagliati in piccoli pezzetti, possono essere cotti al salto insieme a condimenti più o meno liquidi a base di spezie ed aromi, in modo da prepararli per le successive fasi di lavorazione. Uno dei principali vantaggi di questa tecnica consiste proprio nel conferire agli ingredienti un primo grado di cottura in modo facile e veloce così da poter essere utilizzati per arricchire ed insaporire piatti più elaborati e complessi.

Nello specifico, si tratta di un tipo di cottura per concentrazione in cui la trasmissione del calore avviene sia attraverso la conduzione – ossia il contatto diretto del cibo con il fondo della padella – che per convenzione tramite il grasso di cottura: ed è proprio questo ultimo aspetto a rappresentare un punto particolarmente delicato, soprattutto se si è alla ricerca di una cucina sana e leggera.

Per ottenere un risultato ottimale senza il rischio che il cibo si attacchi pericolosamente al fondo della padella, l’aggiunta di una generosa quantità di grassi può apparire l’escamotage migliore per assicurarsi movimenti agili e rapidi. Tuttavia, considerata l’elevata temperatura di cottura, l’utilizzo di una dose eccessiva di grassi può comportare la produzione di pericolose sostanze tossiche derivanti proprio dalla degenerazione della composizione chimica di olio, burro o loro derivati.

La soluzione ideale per garantire una cottura al salto perfetta, senza mettere a dura prova il benessere del nostro organismo, è quella di utilizzare padelle antiaderenti che, pur in assenza di grassi o in presenza di quantità minime, saranno in grado di salvaguardare l’ottimale cottura degli ingredienti.

Da questo punto di vista, uno strumento eccellente è rappresentato dalla padella antiaderente Cucina Leggera Vitamin di Lagostina, che grazie alle caratteristiche del suo rivestimento interno è ideale per cotture brevi e a fiamma vivace. Inoltre, il Thermospot vi indicherà il momento per iniziare a cuocere i vostri ingredienti, cambiando colore nel momento del raggiungimento della temperatura ideale, permettendovi di preservare intatte tutte le proprietà nutrizionali ed organolettiche dei cibi.

Risultati altrettanto meritevoli possono essere ottenuti con le altre padelle della linea antiaderente di Lagostina, come per esempio la padella Ingenio Essential con il funzionale rivestimento Meteorite® Resistium a 4 strati con una finitura Top Coat o la Tempra, dotata di rivestimento antiaderente Titanium Extreme con una durata fino a sei volte superiore rispetto a quelli tradizionali.