English
Menu Cerca
submenusubmenu
< GO BACK
Segreti in cucina

Delizie d’autunno, come cucinare le castagne a casa

Le domeniche d’autunno profumano di castagne arrosto fumanti, delizie di stagione dalla consistenza compatta. Ma le caldarroste non rappresentano l’unico modo di cuocere i frutti del castagno, soprattutto in casa. Scoprite insieme a noi quali sono i segreti per prepararle nella vostra cucina.


Prima di cucinare le castagne

Un gesto rituale da fare prima di cucinare le castagne è la castratura, ovvero l’incisione sulla superficie bombata della buccia. In questo modo si cucineranno meglio, facilitando la paziente operazione di sbucciatura una volta cotte. Il taglio deve essere orizzontale e lungo quasi la grandezza della castagna. Attenzione però a non arrivare alla polpa con il coltello: preferite un’incisione decisa, ma superficiale.

Un altro segreto per delle castagne fragranti è lasciarle in ammollo per delle ore prima della cottura al forno o in padella, mentre la pentola a pressione penserà da sola a renderle morbide. Vediamo quindi i 3 modi per cucinare le castagne.


Al forno

Per questa cottura è fondamentale la fase in ammollo, poiché il forno tende ad asciugare molto gli alimenti. Dopo l’incisione ponete i frutti su una teglia e infornate a 220° per 45 minuti circa. A metà cottura ricordate di girare le castagne, così da cuocerle in modo omogeneo.

Una volta fuori dal forno lasciatele raffreddare, ma non troppo: sono buone ancora calde. Un segreto per sbucciarle più facilmente è raccoglierle in un panno asciutto dopo averle sfornate, lasciandole riposare per almeno 10 minuti.


In padella

La padella forata è la più conosciuta per preparare le castagne, ma non è l’unica: una buona antiaderente dalle giuste dimensioni si rivela utilissima anche per questa occasione. Ciò che conta, infatti, è che tutti i frutti tocchino la base della padella così da evitare parti crude o poco cotte.

Mettete, quindi, le castagne sull’antiaderente con il taglio verso l’alto, coprite con un coperchio e mantenete a fuoco medio per alcuni minuti. È questo il metodo per farle aprire, dal momento che il vapore formatosi dentro alla padella ammorbidisce le bucce.


In pentola a pressione 

Come accade anche per le altre ricette, cucinare le castagne con la pentola a pressione è il modo più rapido. I tempi si dimezzano e il risultato è decisamente diverso rispetto alla preparazione in forno e in padella. Le castagne bollite, infatti, sono più tenere, perfette da far assaggiare ai più piccoli come primo approccio o come ingrediente per dolci e secondi piatti.

Se amate i sapori intensi, provate ad aggiungere sale e foglie di alloro all’acqua di bollitura nella pentola a pressione: doneranno un gusto aromatizzato alle castagne bollite.

Forno, padella o pentola a pressione? L’autunno non è ancora finito e c’è ancora tempo per sperimentare in cucina nuove ricette per cucinare le castagne. Vi diamo due spunti perfetti per la stagione: cosa preferite tra una vellutata di zucca e castagne e delle tenere polpettine?