English
Menu Cerca
submenusubmenu
< GO BACK
Salute e benessere

La scelta vegana. Solo rinunce?

Ragioni e contenuti di uno stile di vita etico che vuole rispettare gli animali, l’ambiente e la Terra sostituendo abitudini e alimenti: si tratta solo di rinunce?

Lessico e stile di vita

Il termine vegano deriva dall’inglese vegan (pronuncia vìgan), a sua volta contrazione di vegetarian. Il vegano è colui che in cucina non utilizza prodotti di origine animale e rinuncia a pelle, lana, seta; non va allo zoo, né all’acquario, né al circo; non tiene in gabbia alcun essere vivente. Rifugge da ogni gesto che possa determinare sofferenza o morte prematura di animali. Non si tratta di una moda salutistica, ma di una scelta di vita gioiosa e sana che comprende una dieta alimentare facile e piena di gusto.

Alimenti sostitutivi: vegani senza rinunce

La scelta vegana comporta l’eliminazione di alcuni ingredienti tipici della nostra cucina — carne, pesce, latte, formaggi, uova, miele — e la loro sostituzione con ingredienti oggi reperibili senza difficoltà in molti negozi e supermercati. Alcune alternative sono facilmente immaginabili e spesso praticate anche dai non-vegani per svariate ragioni di salute o gusto: dado vegetale al posto di quello di carne, latte di soia o riso invece di quello di mucca o capra, pasta di grano duro invece che all’uovo. Altre scelte sono al contrario più sofisticate: per esempio l’affettato di soia o di seitan* al posto di quello animale; le banane, la fecola di patate e l’amido di mais invece delle uova nei dolci; il ragù di granulare di soia al posto di quello di carne.

Salute e prevenzione

Una delle domande più frequenti sull’argomento riguarda la salute: l’eliminazione di tanti alimenti non è dannosa? La maggior parte degli studiosi ritiene di no. La dieta vegana è vegetariana a tutti gli effetti, quindi, se correttamente bilanciata, è altrettanto salutare e aiuta a prevenire e a trattare diverse patologie come quelle cardiache, l’ipertensione, il diabete, l’artrosi e l’osteoporosi. Certo è necessario conoscere bene i cibi che introduciamo nella nostra alimentazione quotidiana per essere sicuri di assumere comunque tutti i nutrienti fondamentali, ricorrendo, eventualmente, a integratori che forniscano le sostanze non reperibili nei vegetali e non sintetizzabili dall’organismo.

Ricette facili e non meno gustose

Un altro quesito assai diffuso riguarda l’eliminazione di tanti sapori che, come si potrebbe pensare, potrebbe coincidere con la rinuncia del piacere a tavola. I vegani assicurano di no! La dieta mediterranea, fatta di pasta, pizza, focaccia, minestroni, legumi, rispetta tutti i dettami vegetariani ed è buonissima, e poi l’alimentazione vegana è tutt’altro che monotona e fa scoprire nuovi cibi — come il tofu e le alghe, per esempio, da millenni alla base delle cucine dell’Estremo Oriente, oggi tanto apprezzate anche in Italia — e ricette piene di gusto. Provate per credere la crema al cioccolato e mirtilli, le crocchette di seitan ricoperte di sesamo, gli spiedini di tofu in tempura o l’hamburger di soia alla piastra. Una delizia inaspettata!

Seitan = glutine di frumento